Seleziona una pagina

Acquisire link che puntano al proprio sito è uno dei più importanti passaggi in una strategia di Search Engine Optimization.

Photo Credit: http://www.flickr.com/photos/dcjohn/

Ma non tutti i link sono uguali e soprattutto non tutti i link hanno lo stesso valore agli occhi di un motore di ricerca. Ecco 10 caratteristiche che fanno di un link verso il vostro sito un collegamento di ottima qualità, senz’altro utile per migliorarne il posizionamento tra i risultati dei motori di ricerca.

Potete utilizzare questo elenco come un piccolo vademecum nel momento in cui vi troverete ad affrontare una strategia di link building, valutare una proposta di servizi SEO o semplicemente come una sorta di bussola per analizzare il reale valore dei backlinks che avete già. Cominciamo.

1. Link “dofollow”

Un link con attributo “nofollow” (il contrario di “dofollow”) è fondamentalmente un link “sterilizzato”, non seguito: è quindi fondamentale che i link in entrata siano privi dell’attributo “nofollow”.

2. L’uso di keyword nell’anchor text

E’ un fattore fondamentale per spingere il posizionamento su specifiche parole chiave. La cosa importante in questo caso è non esagerare, il recente e temuto algoritmo di Google conosciuto come “Penguin” mira a colpire con severe penalizzazioni proprio i webmaster che abusano di questa opportunità.

3. Il numero di link in uscita dalla pagina da cui parte il link

Meno link in uscita ci sono nella pagina da cui parte il link verso il vostro sito più valore avrà quello stesso link. In sostanza: meno dispersione, più forza al singolo.

4. L’età del link

Più recente è il link, più valore avrà.
Non è sempre vero e non va preso in termini assoluti, tuttavia tendenzialmente si può dire che i benefici di un link di scarsa qualità tendono ad avere una durata temporale limitata.

5. La rilevanza di titolo e contenuto della pagina da cui parte il link

Un fattore fondamentale nel determinare la qualità di un link.
Se il link verso il vostro sito parte da una pagina di argomento simile, quello è sicuramente un link migliore di uno che parte da una pagina che non ha nessuna attinenza con l’argomento del vostro sito.

6. La rilevanza dell’anchor text del link con il contenuto della pagina di destinazione

Anche questo è, naturalmente, un fattore molto importante.
Più l’anchor text del link è attinente al contenuto della pagina di destinazione (si veda anche il punto 2) più l’azione di quel link in termini SEO sarà efficace

7. La posizione

Esistono specifiche parti di una pagina web in cui è preferibile posizionare un link.
Se possibile, cercare di ottenere link nel corpo centrale e posizionati preferibilmente all’inizio del testo.

8. Il trust rank del dominio da cui parte il link

Il trust rank è una sorta di indice di fiducia attribuito da Google, dipende da moltissimi fattori tra i quali l’età del sito, la rilevanza dei contenuti rispetto al tema principale, la frequenza di aggiornamento.
Più elevati sono authority e trust rank del sito che vi linka più valore agli occhi dei motori avrà quel link.

9. Il page rank della pagina da cui parte il link

Si commenta da solo.
Sebbene il valore del page rank sia sostanzialmente molto diminuito nel corso degli anni, ottenere un link da una pagina con Pagerank 3 o superiore è sempre consigliabile.

10. Aspetto “naturale” del link

Link con aspetto naturale, inseriti magari da un utente nel contesto di una recensione o come consiglio di approfondimento.

E voi? Avete qualche altra caratteristica da aggiungere a questo elenco?
I commenti sono aperti!